Lettori fissi

lunedì 30 dicembre 2013

Tronchetto di Natale





Non é Natale senza il tronchetto di Natale.....eh già tradizione tramandata dal mio
 papà che ogni anno fin da piccola lo acquistava in pasticceria e io sempre a chiedere 
" ma i funghetti si mangiano?" Si, ma la casetta si mangia?" Si,"  ma gli alberelli si mangiano?" No questi no......
Più del Pandoro o del Panettone io non vedevo l'ora arrivasse il giorno di Natale per
 il mio dolcissimo tronchetto di Natale! 
Noi non festeggiavamo la Vigilia aspettavamo la mattina presto per correre sotto 
l'albero e trovare i regali che Babbo Natale ci aveva lasciato, un pranzo coi
 fiocchi e poi arrivava per dessert il mio tronchetto di Natale, che fossimo in ristrettezze economiche o no era sempre lí ad aspettarmi!
Purtroppo il mio papà non c'é più ma mi sarebbe tanto piaciuto poter fargli assaggiare 
il mio tronchetto dove si può davvero mangiare tutto!!!
Questo lo voglio dedicare tutto a lui!

Ecco gli ingredienti per la base:
- 6 uova
- 120 gr.di zucchero
- 120 gr.di farina
- una bustina di vanillina
- scorza gratuggiata di un limone



Montare bene le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, 
aggiungere la scorza gratuggiata del limone, la vanillina e poi delicatamente la 
farina setacciata con un pizzico di sale.

Stendere sulla placca da forno e cuocere in forno a 180* per 10/15 minuti ( tenendo 
sempre d'occhio la cottura)


Lasciare raffreddare coperta con un telo


Per farcire il mio tronchetto ho utilizzato una crema al limoncello con questi 
ingredienti:

- 4 tuorli d'uovo
- 100 gr.zucchero
- 100 gr.di burro
- 10 gr.gelatina in fogli 
- 50 ml.di limoncello
- 250 ml.di panna fresca
- 10 ml.di acqua


Mettere la gelatina in fogli in acqua fredda per una decina di minuti intanto in un pentolino scaldate l'acqua, gratuggiate al suo interno la scorza di un limone e 
aggiungete lo zucchero.
Aggiungete il limoncello e portate a bollore. Nel frattempo sbattete i tuorli con una 
frusta e quando il composto bollirà toglietelo dal fuoco 
e versate lo nella ciotola con
 i tuorli sbattuti.
Mescolate bene e poi riversate nel pentolino cuocendo a fuoco dolce. 
Lasciate sobbollire e ai primi cenni di bollore aggiungete il burro a tocchetti, mescolate 
e lasciate cuocere a fuoco lento per 2/3 minuti. Togliete in seguito il pentolino dal fuoco 
e aggiungete la gelatina in fogli ben strizzata.


Mescolate ancora un pó e poi versate la crema ottenuta in un recipiente largo e basso, coprite con la pellicola facendola aderire alla crema, lasciate raffreddare e sistematela 
in frigorifero fino a farla raffreddare bene.
Intanto montate bene  la panna e quando la crema sarà fredda ( passatela nel mixer se troppo densa) aggiungetela alla panna.


Questa base l'ho bagnata con una bagna al limoncello ( 50 ml.di acqua, 50 ml.di limoncello, 50 gr.di zucchero , portare a bollore e lasciare raffreddare un pò)
Bagnare bene la base del rotolo con la bagna e stendere la crema.


Staccare la carta da forno ed arrotolare la base ben stretta sigillandola con la pellicola 
e sistemarla in frigorifero.


Nel frattempo preparate la crema per ricoprire il tronchetto , io ho usato una crema 
alla nutella ( panna montata e nutella)
Tirar fuori il tronchetto e tagliarlo un pezzo, ricoprire con la crema alla nutella.


Creare con una forchetta delle venature 


Completare con delle decorazioni di pasta di zucchero.
( Queste sono tutte fatte a mano )


Spolverare con un pó di zucchero a velo per creare l'effetto neve.



La torta si può benissimo preparare 2 giorni prima perché si conserva in frigorifero 
per 3-4 giorni, anzi a mio parere il giorno dopo é ancora più buona.

Con questa ricetta partecipo al contest Ricordi del Natale indetto da Molino Chiavazza

Molino Chiavazza contest Ricordi del Natale






giovedì 26 dicembre 2013

Biscottini natalizi

Al giorno d'oggi siamo sempre di corsa, lavoriamo, ci occupiamo della casa e dei figli e magari cuciniamo spesso di fretta.
Un tempo era diverso, ho ricordi della mia nonna che amava cucinare e il Natale era l'occasione giusta per riunirci tutti da lei e preparare qualcosa insieme, ho imparato molte cose da lei anche se piccina giá   mi piaceva mettere le mani in mezzo alla farina, le uova, lo zucchero......
Almeno a Natale dovremmo sforzarci un pó di più e tornare alle care e vecchie abitudini, ora io ho voluto coinvolgere tutta la mia famiglia per preparare questi biscottini che regalerò ai colleghi di lavoro, agli amici e ai parenti, per dare la possibilità anche ai miei figli di sentire i miei ricordi d'infanzia, di crearne anche per loro con la speranza che un domani li tramanderanno ai loro figli.

Veniamo agli ingredienti dei biscottini:
- 380 gr.di farina
- 250 gr.di burro
- 125 gr.di zucchero a velo
- 2 tuorli d'uovo
- vanillina
- un pizzico di sale
- buccia di limone gratuggiata
- pasta di zucchero per ricoprirli


In questo caso io ho utilizzato doppi ingredienti perché mi serviva molta pasta frolla


In una ciotola mettiamo la farina, la vanillina e la scorza gratuggiata del limone e mescoliamo

Aggiungiamo il burro a pezzi 

Lo zucchero ed amalgamiamo bene

Aggiungiamo i tuorli d'uovo

A questo punto sistemiamo il tutto sul tavolo da cucina per poter lavorare bene l'impasto


Formiamo una bella palla(  nel mio caso sono due per la doppia quantità di ingredienti) e sistemiamo in frigorifero per un ora circa.


Passato il tempo stendiamo la pasta con un matterello e iniziamo a formare i nostri biscotti



Gli alberelli di Natale:



I cuori che poi diventeranno i Babbi Natale!:


E le stelle:


Inforniamo a 180* per 10/15 minuti prestando sempre attenzione che non cuociano 
troppo sotto

Eccoli pronti :


Iniziamo poi le decorazioni con la pasta di zucchero sugli alberelli :



Con l'aiuto anche della mia bambina!



Questi sono i cuori rovesciati da cui ho ricavato i Babbi Natale:


E queste delle simpatiche stelle natalizie:


Tutti insieme quasi pronte:


Eccoli pronti per essere regalati:


Con la ricetta di questi biscotti partecipo al contest Ricordi del Natale indetto da 
Molino Chiavazza

Molino Chiavazza contest Ricordi del Natale

















sabato 21 dicembre 2013

Spezzatino al mosto cotto con uvetta e pinoli





Buon giorno a tutti cari amici, con questa ricetta partecipo al primo contest indetto da Acetaia Guerzoni , famiglia unita da generazioni che prepara i suoi prodotti fedeli alla tradizione con l'intento di trasmettere a tutti il gusto del passato e lo spirito dei nostri nonni che non usavano prodotti chimici e tecniche invasive ma ascoltavano la natura e si lasciavano da essa guidare.

Sul loro sito potete trovare una vasta gamma di prodotti:

  • Aceto balsamico tradizionale di Modena DOP
  • Aceto balsamico tradizionale di Modena IGP
  • Condimenti
  • Mosto d'uva
  • Selezioni assaggio

Io ho avuto il piacere di creare la mia ricetta con  Saba Guerzoni (o mosto cotto) che, devo essere sincera non avevo mai utilizzato né assaggiato, un condimento che viene prodotto dalla famiglia Guerzoni tramite la cottura per almeno tre giorni del mosto d'uva, a fuoco diretto e a cielo aperto.
L'uso della Saba ha origini molto antiche i primi ad utilizzarla furono infatti i Romani da cui deriva dal latino sapa,  il suo nome.
Il suo gusto è dolce e saporito, è un prodotto ideale come dolcificante nella preparazione di dolci, gelati, yogurt e semifreddi e si accompagna anche come condimento per verdure cotte, formaggi e bolliti.
Io ho voluto provare ad utilizzarlo per il mio spezzatino con uvetta e pinoli:


Ingredienti per 4 persone:
- 600 gr.di carne di manzo tagliata a pezzi
- 3 cipolle di Tropea
- Saba Guerzoni ( mosto cotto)
- sale e pepe q.b.
- dado granulare
- olio extravergine di oliva
- uvetta e pinoli




Tagliare innanzitutto la carne se acquistate un trancio intero e mettetela a rosolare in una pentola con un pó di olio extravergine di oliva, nel frattempo sbucciate le cipolle di Tropea e affettatele sottili.
Quando la carne é ben rosolata aggiungete le cipolle e dopo un paio di minuti il mosto cotto, aggiustate con sale, pepe e dado granulare.




Io di solito uso la pentola a pressione perché impiega meno tempo e così mi ha insegnato a fare lo spezzatino la mamma, una trentina  di minuti e la carne é cotta, se utilizzate una pentola normale ci vorrá un oretta e mezza di cottura.

Togliere la carne dalla pentola e frullare le cipolle con il sugo che si é formato, aggiungere i pinoli e l'uvetta ( in precedenza ammollata in acqua tiepida e ben strizzata)
Io ho aggiunto anche delle stelle di polenta .

Devo dire che il mosto cotto Guerzoni  ha dato davvero un tocco particolare a questo piatto, un gusto agrodolce ottimo.
Buon appetito!



Se siete interessati ad acquistare nel loro Guerzoni Shop Online fino al 31/03/2014 potete approfittare dello sconto del 20% utilizzando il codice PUSINICH , offerta imperdibile davvero!
www.Guerzoni.com

domenica 15 dicembre 2013

Muffin agli amaretti

C'é già aria di Natale, da me a Venezia sono arrivate puntuali come sempre le giostre,
 per fortuna oggi è una bella giornata da passare fuori, ma fa buio presto ed é sempre piacevole preparare una sana e veloce merenda per bambini........ma non solo!
Allora ho deciso di preparare questi muffin agli amaretti che avevo in mente di fare 
da un pó!
Per farli ho utilizzato:

- 100 gr.di burro
- 120 gr.di zucchero
- 2 uova
- 150 gr.di farina 00
- 60 gr.di fecola

- mezza bustina di lievito
- 60 ml.di latte
- un pizzico di sale
- 20 amaretti sbriciolati 
- amaretti interi quanti i muffin che usciranno!
- zucchero a velo q.b.

Ho messo il burro , sciolto a bagnomaria o microonde, con lo zucchero e li ho montati 
con lo sbattitore  fino ad ottenere un impasto chiaro ed omogeneo, aggiunto le uova una alla volta sempre continuando a mescolare, ho setacciato la farina, la fecola e il lievito aggiungendoli all'impasto, ho aggiunto un pizzico di sale, il latte e gli amaretti sbriciolati.

Ho messo il composto ottenuto nei miei nuovi stampi per muffin in silicone


Gli stampi vanno riempiti per metà


Sopra ad ogni Muffin ho posizionato un amaretto 


Messi in forno preriscaldato a 180* per 20/25 minuti


Finalmente pronti! 


Aggiungere zucchero a velo a piacimento e buona merenda!











venerdì 6 dicembre 2013

Bucatini ai gamberetti, pistacchi e limone


Ci stiamo avvicinando alla vigilia di Natale, da noi la cena é tutta a base di pesce, volevo trovare una ricetta diversa dal solito per l'occasione ed ho provato a fare questi bucatini ai gamberetti al sapore di limone e con aggiunta di pistacchi, voi che ne dite?


Ingredienti per 4 persone:
- 400 gr. di bucatini
- 350 gr. di gamberetti
- 1 limone
- 2 spicchi d'aglio
- prezzemolo
- granella di pistacchi
- olio extravergine di oliva
- 1 cucchiaio di cognac
- sale e pepe

Iniziamo a sbucciare il limone con il pelapatate , la buccia la tagliamo sottilissima a julienne e la polpa a pezzetti.

Sgusciamo i gamberetti e li bolliamo in acqua salata.

Nel frattempo prendiamo una padella e facciamo soffriggere gli spicchi d'aglio nell'olio; lo togliamo e aggiungiamo i pezzetti della polpa del limone, le bucce tagliate a julienne e facciamo rosolare 2 minuti, aggiungiamo i gamberetti e il cognac fino a evaporazione. Aggiustiamo di sale e pepe. 

Cuociamo i bucatini in abbondante acqua salata e li scoliamo al dente, li saltiamo nella padella con i gamberetti e il limone, aggiungiamo la granella di pistacchi e il prezzemolo. Impiattare aggiungendo un filo di olio extravergine di oliva .

 Buon appetito!







Con questa ricetta partecipo al contest di Incucinacongioia in collaborazione con Aromasicilia .






giovedì 5 dicembre 2013

Petto di pollo light al pistacchio con patate duchessa


Essere a dieta o dover mangiare leggero non significa dover mangiare senza gusto ed é così che ho pensato ad una ricetta leggera ma ad ogni modo appetitosa:
Petto di pollo impanato ai pistacchi e cotto in forno, veloce da preparare, semplice e sano  vediamo come l'ho preparato.
Ingredienti per 4 persone 

- 4 petti di pollo 
- mezzo bicchiere di latte
- pane gratuggiato
- olio di oliva
- granella di pistacchi q.b.


Ho messo i petti di pollo 10 minuti a macerare nel latte.
Ho preparato l'impanatura con il pangrattato mescolato con la granella di pistacchi

E ho impanato i petti di pollo.
( non ho aggiunto sale ma se volete potete metterlo nell'impanatura o anche dopo quando é cotto)



Ho rivestito una teglia di carta da forno unta con un pó di olio di oliva e  ho adagiato i petti di pollo, messi in forno a 180° per 15/20 minuti , rigirandoli a metà cottura.
Servito il piatto con le patate duchessa e delle fettine di limone.
(Qui  potete trovare la ricetta delle mie patate duchessa)
Buon appetito!



Con questa ricetta partecipo al contest di Incucinacongioia in collaborazione con Aromasicilia